Si aprano le danze

Fine del silenzio. Ho qualcosa da dire.
Il 16 Febbraio ho fatto e passato lo scritto di Algebra, passando l'orale il 18 Febbraio con un sofferto 23 (puntando al 18). Ho passato due anni a piangere su un esame semplice, ma che si era tramutato in una bestia invincibile. Alla fine ce l'ho fatta e le mie ansie sono andate a farsi friggere.
La vita va bene. Sto concretizzando qualcosa, ma ci vorrà tempo (e, come tutto nella vita, il risultato non è assicurato).
Nel frattempo, mi sono trovato nella condizione di stroncare un pretesto. Certe volte mancano del tutto le parole.

Da lunedì si ricomincia a studiare ogni giorno, ogni sera, ogni notte, ogni fine settimana. Mi sono reso conto di essere in grado di tollerare la mole di studio e che posso dare molto con un po' di impegno in più. E allora via, mi voglio laureare pure io.

A little bit of self-confidence

Ok, ho un po' di cose da dire prima di perdere (definitivamente?) la lucidità. E sarò criptico come sempre, perché in fondo il blog è il mio, diffondo il mio pensiero, ma la realtà dei fatti è che vengo qui per sfogarmi. Poi è chiaro che pubblicherò anche cose più human-readable, ma non è questo il caso.
Determinati equilibri sono cambiati e questo ha provocato un forte cambiamento in me, l'ennesimo. Ero fermo su certe convinzioni - o, più precisamente, posizioni - che erano rigide, ma anche no.
Ora mi sento buttato qui e là come una barca tra gli scogli, con le mie stupide certezze gettate in fondo al mare, ma forse è meglio così. Sta di fatto, però, che devo smettere di parlare per metafore marine e iniziare a diventare più razionale.
E razionalizzando, quindi, dico una cosa chiara e tonda: la mia personalità è fortemente limitata (se non compromessa) da forme troppo rigide che annegano (aridaje...) le mie pulsioni.
Ergo, o vado in terapia, o mi imbottisco di psicofarmaci, o mi decido a prendere il coraggio a quattro mani (e il numero può essere casuale o meno) e credo che l'ultima strategia sia la più complicata da attuare, ma quella che, a prescindere dal risultato, porta le soddisfazioni più grandi.
Una volta e per tutte: VAFFANCULO ANSIA.

Questo è quanto. Da adesso in poi devo seriamente mettere in atto una rivoluzione mentale.
Auguratemi buona fortuna.