Projects: 0%

Ok, lo ammetto: l'ultimo post era il preludio ("preludio"... come suona bene "preludio", eh? Anche se c'entra poco, ma vabbé) a ciò che ho da dire qui.

Nella mia testa ci sono un po' di progettuzzi. Tutti, attualmente, fermi allo 0%. Quello più importante, cui sto pensando da secoli, è il sito di videogiochi che è diventato puro vaporware. Ma lo farò. Devo solo trovare un titolo e un grafico, nonché la voglia di scrivere qualcosa come duecentocinquantamila pagine web. O, magari, la voglia di capire fino in fondo come cacchio funziona quel casino che è CakePHP (e qui qualcuno mi riderà dietro).

Ultimamente (o non tanto ultimamente, qualche mese fa), poi, ho avuto l'idea di mettere su un prezzario per tenere d'occhio i prezzi dei videogiochi che cercavo, il tutto andando su vari siti e ricopiando i prezzi. Inizialmente era pensato come HTML puro, poi ho pensato che mi stufava modificare a mano la index ogni volta che dovevo aggiungere qualcosa, stando anche attento all'ordine alfabetico e tutto il resto. Così ci ho messo un po' di PHP e... alla fine è diventata la mastodontica creatura che è adesso.

E allora credo sia proprio il caso di fare una rapida carrellata sui progetti nati, non ancora nati, in produzione e morti che gironzolano allegramente nel mio cervelluzzo ormai defunto. Partendo, chiaramente, dal sitarello di videogiochi.

 

  • Gamessence - (vivo : 0%) - [http://gamessence.netsons.org/] - questo doveva essere il nome del sito di videogiochi che avevo in testa. Presi il dominio su Netsons, ma poi non lo usai più per farci il sito. Infatti non trovai più il tempo di stendere il codice, e certo non volevo installare un CMS già pronto, che avrebbe certamente semplificato l'operazione di messa in produzione dell'intero sito, ma sarebbe stato del tutto anonimo. Alla fine ho utilizzato il dominio per un altro progetto, che è il seguente.
  • PlayStation.com menu - (morto : 100%/0%) - [http://gamessence.netsons.org/pscommenu/ : http://pscom.netsons.org/] - si trattava di un'estensione per Firefox, un menu per la precisione. Permetteva di raggiungere molto velocemente le varie sezioni del forum ufficiale italiano della PlayStation. Inizialmente creai una pagina web semplice e scarna per contenere ogni aggiornamento, ma col tempo decisi di produrre qualcosa di più carino. Ciò che, attualmente, risulta ancora visibile nel primo link. In questa versione del sito produssi anche un'immagine che riportava sempre l'ultima versione dell'estensione con un estratto del changelog. Con il passaggio a Firefox 3, il menu ebbe diversi problemi, legati specialmente all'aggiornamento automatico che deciso di non funzionare più, nonostante il file che gestiva questa funzione fosse perfetto. Poi, dopo un po', decisi che era ora di svecchiare del tutto il sito, e cominciai a produrre un nuovo sitarello con una grafica piuttosto minimale, ma comunque gradevole. Sul secondo link c'è un guestbook che ne riprende le linee generali. Tuttavia, in breve tempo ho abbandonato il forum PS per divergenze varie e così l'estensione è andata a morire, così come il sito. Difficilmente rivedrà la vita, dal momento che la persona che avevo designato come possibile "erede" del codice ha rifiutato. Vero Dora? xD
  • Prezzario - (vivo : 100%?) - [http://chitarrista.netsons.org/prices/] - Pensate un po', questo progetto è dannatamente vivo ed è persino online su questo dominio. Nella realtà dei fatti, la versione aggiornata risiede e gira tranquillamente sul mio computer. Si, ho Apache, PHP e MySQL installati, qualche problema? No? Ok. Comunque, la versione attuale è un dannato MACELLO. In ogni senso, eh. Praticamente, bisogna addirittura aggiungere manualmente il prezzo di ogni gioco cercato. Perciò sto pensando a qualche soluzione un po' più stronza. Innanzitutto, riscriverlo totalmente. E l'idea che mi balena per la mente, ultimamente, è di farlo in due versioni: PHP e Python. Inoltre, vorrei fare in modo che l'aggiornamento dei prezzi sia totalmente automatizzato, con pochi input da parte dell'utente, che dovrà risolvere solo casi in cui vi siano molti elementi con nomi simili e scegliere, dunque, quello giusto. La versione in Python dovrebbe offrire diversi vantaggi: innanzitutto la semplicità di scrittura rispetto alla versione in PHP, dal momento che molte funzioni utili sono già integrate nel linguaggio e che determinate strutture funzionano molto meglio. Il punto è che sono pochissimi gli hoster che offrono hosting Python, quindi questo sarebbe strettamente legato alla macchina. Se capiterà, però, farò una doppia versione anche di quella Python: una stand-alone, da installare su PC; l'altra per il web, che userei sul mio computer per i test e le possibili innovazioni.
  • Websig - (vivo : 0%) - [http://websig.netsons.org/] - Ok, questo è il mio fiore all'occhiello insieme al prezzario di cui sopra. Si tratta di un sito dove sarà possibile, quando sarà pronto (quando sarà pronto?), creare un'immagine che varia ad ogni refresh. Una cosa del genere l'ho già fatta, ma piazzando fisicamente le immagini vicino ad uno scriptino in PHP che si occupa di selezionarne una a caso. Stavolta vorrei creare qualcosa di più complesso, che permetta di utilizzare indifferentemente immagini già pronte e immagini di solo testo create dall'utente, dove sia possibile scrivere - ad esempio - delle citazioni. Si tratta di un progetto piuttosto grosso, ben più di Gamessence e del Prezzario. Anche perché ho intenzione di renderlo redistribuibile, cioè di approntare un apposito pacchetto installabile su qualsiasi server, di modo che ognuno possa creare il suo sito di immagini dinamiche, sfruttando gli script di Websig.

Ok, sono un pazzo. Questi progetti sono tutti letteralmente fermi. Non so proprio da dove cominciare e, come se non bastasse, c'è ancora un altro progetto enorme che ho avuto la stupida idea di proporre. Dora, che tu sia dannato! 

Beh, magari Gamessence sarà il primo a nascere. Se così fosse, mi darebbe la spinta per creare tutto il resto. O almeno ci spero. xD 


Che noia


Una noia mortale che mi attanaglia da giorni. Che palle.

Internet è una noia tremenda. Non succede mai niente, al limite salta la connessione per via di Telecom, e questo mi annoia ancor di più perché mi fa girare le palle il fatto che io debba trovare una soluzione per evitare di chiamare il 187.



Non ho più voglia di giocare con la 360, non so neanche io perché. Sto portando avanti Eternal Sonata, che mi sta piacendo ogni giorno di più, ma evidentemente il fuoco della passione per gli RPG che si era riscatenato è ormai già spento, o sta per consumare la sua ultima fiamma.



Ho comprato due nuovi giochi abbastanza del menga. Perfect Dark Zero, che è stato più volte sopravvalutato e sottovalutato: sopravvalutato perché, a conti fatti, non è tutto 'sto gran gioco che poteva essere, giacché è strapieno di problemi (anche dovuti a quel dannatissimo Havok che si ostinano a produrre con tanta "attenzione" ai dettagli fisici) ed è piuttosto frustrante in certe parti; sottovalutato perché ci sono più errori di quanti la gente comune sia stata in grado di trovarne.



L'altro gioco è Turning point: fall of liberty. Costava poco, mi piaceva la copertina e avevo voglia di uno sparatutto. Fa totalmente schifo. Penoso. Buono solo per fare 600G a cazzo di cane, poi merita un bagno di fuoco catartico, mentre i programmatori meritano la fucilazione per aver prodotto il più osceno gioco di simulazione di guerra. Una storia spacciata per "originale", ma Philip K. Dick ne parlò oltre quaranta anni fa. In termini lievemente diversi, però i risultati sono gli stessi.



Che altro c'è da dire? Ah, ho ordinato due schede da 2100MSP in Gran Bretagna, sto aspettando che mi arrivino. Devo comprare un bel po' di cose dal Marketplace di XBOX Live, primi tra tutti Braid e Big Surf Island.



Sto sbavando su Braid da quando scaricai la demo, un po' di tempo dopo l'uscita e finalmente potrà essere mio.

Big Surf Island, invece, mi aveva lasciato quasi indifferente all'uscita, poco tempo fa. Ma poi, avendo finito Burnout Paradise e non trovando più nulla di meglio da fare che girare per la città evitando le auto del traffico, ho pensato che questi 12€ si possono anche spendere, pur di incrementare la longevità del gioco e correre - finalmente! - dopo tanto tempo. Inoltre, quei punti giocatore extra possono sempre far comodo, così da aumentare il punteggio attuale (che, attualmente, si attesta sui 7350G).



Poi ho idea di prendere Duke Nukem 3D. Ha fatto storia, è stato forse il primo gioco che io abbia mai giocato su un computer, quando avevo ancora 4 anni circa. Credo di averlo giocato prima ancora di DooM II (giacché non avevamo il primo capitolo). E dunque, essendo ad un prezzo che non mi spinge a desistere dall'acquisto, credo che mi lascerò prendere dalla malinconia, ricorderò i tempi in cui ero un bambino carino che giocava allegramente a Duke Nukem e lo riacquisterò. Pur avendolo comprato da poco per PC su Gog.com, ma non diciamolo troppo in giro.



In più, c'è DooM che mi tenta abbastanza. DooM è stato un altro dei miei amori videoludici sin dall'infanzia. A quei tempi giocavo DooM II. Quando DooM III si è presentato sul mercato, io non ho indugiato: ho acquistato immediatamente la versione limitata per XBOX ed ho giocato, ho giocato tantissimo, fino a che non sono arrivato al finale e... e sono successe alcune cose, per cui non l'ho mai finito, ma conto di riprenderlo e giocarlo su 360 in retrocompatibilità. Dopo l'acquisto di DooM III, mi dedicai al recupero dei vari capitoli precedenti. Comprai, per la modica cifra di 13€ (o forse 11€, boh), "DooM: the Ultimate collection", contenente The Ultimate DooM (cioè DooM più il capitolo extra, "Thy flesh consumed", che vide la luce diverso tempo dopo l'uscita del primo capitolo), DooM II e Final DooM (ovvero i pacchetti TNT e Plutonia). Amore, amore, amore, e penso che continuerò ad amare la serie prendendo anche questo capitolo su 360, in attesa dell'uscita di DooM 4.



E poi c'è 'Splosion man... un giochino fesso, ma dannatamente divertente. Niente armi, niente di niente. Solo un personaggio che... esplode. È esilarante, confusionario ed è il primo gioco a contenere i premi da far indossare agli avatar.



Il 28 settembre riprenderanno i corsi all'università. Entro dicembre ho intenzione di dare almeno due esami. Primo fra tutti Programmazione 2, che mi serve per... tutti gli esami del secondo anno, a quanto ho letto.

E credo proprio sia il caso di darlo, altrimenti resterò fossilizzato qui per secoli, forse millenni.

Dal 1 settembre si ricomincia a studiare. Il che vuol dire che dovrò temporaneamente abbandonare il Python per riprendere il C++, che ho bellamente dimenticato quasi del tutto. Ma giusto perché uso sempre ed esclusivamente il PHP (ed oggi pure il Python), eh. @__@



E così, si conclude un... non si conclude un cazzo, la giornata è già finita ed è notte. È iniziato un altro giorno. È pure una domenica, il doppio della noia. In pratica, domani dovrò riuscire a tenere la 360 accesa per una decina di ore. Troppa noia.



CHE NOIA!



P.S.: ascoltate "Lamette" di Posi. È decisamente un bel brano.


"Un attimo!"


"Un attimo!"

Quelle due dannatissime parole che si sentono costantemente, a bordo di un autobus.

"Un attimo!"

I vecchi che gridano costantemente queste due parole. Sono lì, di fronte alla porta. Stanno scendendo, il conducente li vede. Ma loro, all'apertura della porta, gridano "Un attimo!", come se il conducente fosse sul punto di ripremere il pulsante e far scattare le porte davanti al di loro naso.



Dannazione!

Insieme ai vecchi che fanno di tutto per prendere il posto dove sono seduto, mi fanno incazzare.



Che rabbia.


for x in ['Firefox', 'Chrome']: print(x, "is the best")

La tendenza a bloccarsi che Firefox ha sviluppato nelle ultime versioni è pari solo ai blocchi effettivi che IE ha sempre tenuto come principale caratteristica del suo motore grafico.

Hang della durata di 20 secondi sono all'ordine del giorno, ormai, specialmente se si fa estremo uso di plugin più o meno utili.
Google Chrome è giusto lì, che aspetta che io lo usi. Mi basterebbe digitare "google-chrome" anziché "firefox", o semplicemente aggiungere l'icona di fianco a quella di Firefox.

Ma non lo faccio ancora. Lo sfrutto per poche cose, errando. Del resto, il supporto ai plugin di Chrome per Linux è ancora scadente. Flash tende a rallentarlo fin quasi al blocco, ma resta quasi più decente di Firefox nel resto delle sue attività.

Come se non bastasse, le estensioni sono un punto mancante nella versione pinguinesca di Chrome. E ci sarà da attendere.

 

Il titolo è scritto in Python. Lo sto studiando negli ultimi tempi perché non ho un tubo da fare. Grazie al Python, però, ho assimilato più rapidamente il concetto di pila e coda. Concetto che il prof di programmazione, all'università, non è stato in grado di spiegare in maniera esauriente. Se non altro, sapevo già cosa fossero e come lavorassero. Ma il Python mi ha aperto gli occhi.

Mi fa male il polso. Non so cosa cacchio ci ho fatto, mi fa male. Ogni movimento è a rischio dolore. E non è stato il mouse. Dovrei evitare di poggiarmici su quando mi alzo dal letto, innanzitutto.

Stop. È il momento di staccare. 


Il viaggio di ritorno


Non avevo le forze per parlarne. Un viaggio disastroso e massacrante.

Si parte il 21 pomeriggio, alle 15:30, da Porto San Giorgio (FM). Il viaggio dovrebbe durare poco più di 5 ore, difatti l'arrivo era previsto per le 20:50.



Tutto procede bene, fino a che non imbocchiamo l'Autosole. L'avessimo mai fatto.

Intorno alle 19 si era verificato un incidente nei pressi di Capua e noi dovevamo passare di lì. Il traffico è stato tutto dirottato verso Caianello. L'autista dell'autobus, però, s'è bellamente fermato su una corsia ed è sceso insieme al collega. Non la faccio lunga: sono rimasti a parlare con la stradale, ad appiccicarsi con i passeggeri, ad aspettare insieme a noi perché la compagnia non aveva dato l'OK per la deviazione.



Per farla ancora più breve: siamo ripartiti intorno alle 23. Siamo rimasti imbottigliati nel traffico fino a mezzanotte circa, giacché c'era una coda di diversi kilometri prima dell'incidente. A quel punto siamo ripartiti e, nel giro di una mezz'ora, siamo arrivati a Piazza Garibaldi.



Tassì, casa, si è fatta l'una di notte. Un viaggio di 5 ore che, magicamente, raddoppia.

Sono arrivato a casa con uno stupendo mal di testa, digiuno dalle 14 del giorno precedente (ebbè, ormai era 22) e con una sete improbabile. Bevuto, lavato i denti, a letto senza cena.



E vaffanculo un po'. Ora sono a casa, rilassato, sulla mia bella sediolina, di fronte al mio 23", cazzeggiando in attesa che tutto torni alla normalità.



P.S.: Siccome sono brutto, cattivo e antipatico, farò un paio di post retro-datati, poiché ho visto un paio di film e li voglio segnalare qui. Cià.


Avalon




Questo film è proprio brutto. Ma davvero, eh.

Su un'ora e 42 minuti di film, i dialoghi occupano appena mezz'ora.

E infatti, sono talmente pochi che ci si annoia per la maggior parte del film.

È dannatamente lento. C'è tutto il tempo per farsi un pisolino durante le scene morte.

E quando ricominciano a parlare ci si risveglia all'improvviso, non si capisce ciò che i personaggi hanno detto, ma non c'è la voglia di tornare indietro.

Non ha un finale. Non ha un senso. E vorrebbe essere cyberpunk.

Peccato vada a finire in uno stentato steampunk con qualche richiamo simil-Matrix.

Un'assurda produzione nipponico-polacca: un asse da evitare, in futuro.

Un solo punto di forza: la soundtrack.

E io mi aspettavo un bel film...

Trainspotting




Non ho parole. semplicemente stupendo. Dalla trama alla realizzazione alla soundtrack.

Che cafone che sono

Si, ho dimenticato di dire che partivo. Sono partito il 2 agosto. Però sono comunque connesso a internet, ho trovato il modo. Mi fa incazzare, la linea cade ogni due secondi, la connessione è lentissima, ma ehi!, sono connesso.
Però la 3 mi fotte. Mi fotte i soldi, mi fotte sulla connessione che costa un casino, quasi più di una 20 Mega, mi fotte sul telefono che è bloccato con loro. A dicembre vedrò di farmelo sbloccare, romperò il cazzo fino a che non mi manderanno il codice, e poi fanculo.

Ok, ora torno a dormire.